Salamoia – sa|la|mò|ia

Probabilmente uno dei sostantivi (viene attualmente utilizzato anche come aggettivo) dall’etimo più sanguinoso di tutti i tempi.
Le prime tracce della futura nascita di questa parola si hanno nel tardo VI con i primi contatti, soprattutto a carattere commerciale tra la civiltà ottomana e le popolazioni germaniche.

Le differenze culturali crearono un vero e proprio caso diplomatico quando un dignitario arabo in visita nella cittadina di Misch Gegrillt, situata nell’attuale bavaria, in segno di rispetto salutando un commerciante locale, più precisamente il macellaio del paese tale Klammer zum Handgelenk, pronunciò il saluto “Salam”.

Il macellaio, pensando di aver capito cosa necessitasse al dignitario, sorridendo esclamò: “Ohh, ia!!” e gli offrì un piatto di fumanti wurstel. Ignaro dell’errore che stava per aver luogo, delle catastrofiche ripercussioni, ma animato da buona volontà, solamente dopo averli fatti mangiare spiegò all’arabo il contenuto del piatto. Il dignitario si sentì ingannato per essere stato circuito ad infrangere la legge coranica e la vendetta sfociò nella battaglia di Freude und Glück der Leute (722 DC).

Lo scontro, breve ma cruentissimo vide da una parte la scorta dell’arabo, e dall’altra i contadini locali (soprattutto i macellai, che pur non capendo la lingua, sospettavano fortemente che i loro insaccati locali non fossero stati graditi).

Dopo 4 giorni di battaglia, ed un risultato di sostanziale pareggio, si giunse finalmente alla pace, conosciuta ai più come Gestorben und Gemetzel mit ihm Vergeudungen des Bluts (722 DC).

Il risultato più sorprendente di questa pace, e che tutt’ora molti apprezzano, è la nascita dei crauti, specialità che mise d’accordo le 2 popolazioni in quanto non contravveniva gli insegnamenti del Corano e si sposava ottimamente con i wurstel.

Nota di interesse: Klammer compì un secondo errore in quanto sbagliò anche l’insaccato da offrire all’arabo (sarebbe dovuto essere salame, appunto). Proprio un errore simile portò, più di 500 anni dopo, un pronipote del Klammer ad essere sfidato a singolar tenzone da un produttore parmense di prosciutto crudo (che il tedesco aveva erroneamente chiamato “salama da sugo”).

0 Responses to “Salamoia – sa|la|mò|ia”



  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger cliccano Mi Piace per questo: